Categorie
approfondimento sul tema

Comunità: Idee e pratiche del fare scuola

03/05/2021

Durante il Dialogo “La comunità c’è? Idee e pratiche del fare scuola”  i nostri ospiti, Mackda Ghebremariam Tesfaù e Giampiero Monaca, hanno condiviso le loro riflessioni e le loro esperienze.

Comunità è…

Mackda Ghebremariam Tesfaù, insegnante all’università, e Giampiero Monaca, insegnante alla scuola primaria di primo grado, riportano due esperienze molto diverse, eppure entrambi definiscono comunità come un modo di creare relazioni, seppur con sfaccettature diverse:

“Tento di fare comunità attraverso delle pratiche e questo, se dovessi riassumere, per me significa tentare di creare relazione che ha un obiettivo comune (l’apprendimento) attraverso delle pratiche di ridistribuzione del potere, con un focus preciso (ridistribuzione, razza e razzismo). C’è un focus particolare nella ridistribuzione del potere nei soggetti presenti nelle mie classi (ci sono etnie diverse, forse perché sto a mediazione linguistica). Questo tentativo di farsi comunità passa attraverso il desiderio di riconoscere le loro individualità, le loro personalità a livello umano e a livello di contenuti. Cerco quindi di integrare la loro esperienza all’interno dell’aula.”

Mackda

“Il significato di comunità ce lo siamo dati noi, quando, 10 anni fa, Alberto ha chiesto il significato di pace. Dopo una serie di riflessioni, siamo arrivati al fatto che pace = insieme, nel senso di comunità. Per dire davvero di essere insieme, vuol dire che consideri l’altro un parametro essenziale del quale non puoi non tenere conto. È una persona che ti sta di fianco non solo fisicamente, ma anche empaticamente. È un tipo di persona di cui ti prendi cura anche se in quel momento non le rivolgi la parola. Per noi essere un gruppo (il noi) è sentire l’altro dentro di te, ti vede, ti considera.”

Giampiero

Queste due differenti modalità, strettamente dipendenti anche dall’età dei soggetti con cui Mackda e Giampiero si interfacciano, promuovono entrambe una rete relazionale che riveste ogni soggetto di un ruolo attivo e responsabile delle proprie azioni, degli interessi o delle riflessioni nei confronti delle altre persone della/delle comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.